Storie di quarantena: sarà il boom delle feste di laurea post coronavirus?

La laurea ai tempi del coronavirus: ognuno di noi ha un amico/a, un parente o un conoscente che si è laureato in via telematica durante la quarantena. È successo persino alla mia migliore amica—si è laureata nella sua sala da pranzo davanti ad uno schermo (ma non in pantofole)! Avrei voluto tanto essere li con lei, avrei voluto poter assistere alla sua discussione, abbracciarla, metterle la corona d’alloro in testa e brindare insieme. Invece niente, ci siamo fatte una bella chiamata Whatsapp per festeggiare! Menomale che sua sorella era presente e che nonostante tutto sia riuscita a renderle la laurea in quarantena un giorno speciale, come dovrebbe essere per tutti d’altronde.

Non sappiamo ancora quando le cose torneranno alla normalità, quando potremmo festeggiare come ai vecchi tempi, quando potremmo abbracciarci. Ma una cosa è certa, per tutte quelle persone che si sono laureate in quarantena, non finisce qui! Non esiste che un giorno cosi speciale non venga festeggiato come Dio comanda! Quindi faccio un appello a tutti voi che avete una persona a cui volete bene e a cui, diciamolo, è completamente scesa la voglia di festeggiare! Noi non lo permetteremo.

Una volta che ci si potrà radunare serenamente (anche se sarà nel 2021), toccherà mettersi d’accordo con i fratelli, le sorelle e i parenti del nostro neo laureato/a per organizzare una bella festa. E perché no, una bella festa a sorpresa. Che poi dai, non vedevo l’ora di gridare “discorso! discorso” per metterla in imbarazzo.

Come rendere questa festa di laurea a sorpresa speciale? E soprattutto, come far si che il nostro neo laureato/a senta veramente che sta festeggiando la laurea (seriamente questa volta)? Ci sono dei trucchi, ragazzi, quindi mi raccomando, contiamo su di te.  Ecco la lista dei must per rendere la vostra festa di laurea post quarantena degna di se:

1. Una torta: che laurea è senza una torta super figa?

2. I suoi amici più stretti, insomma, quelli che sai che avrebbe voluto invitare (da non scordare quelli dell’università).

3. I suoi parenti (perché i parenti stanno a tutte le feste di laurea). Non è mica un compleanno.

4. Prosecco, vino e musica, perché senno, a questo giro, la gente se ne torna a casa volontariamente.

5. I regali, perché che festa di laurea è senza dei bei regali? Ma poi scusa, questi poveracci hanno fatto regali di laurea al mondo intero, arriva il loro turno e non ci sta nulla, anche no.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da To & From (@giftstoandfrom) in data:

Author

Write A Comment